DIVERSIFICA

Diversifica i tuoi investimenti in un’asset class alternativa. Avvicinati all’innovazione e diventa un Clubdealer, ti forniremo tutti gli strumenti per il tuo investimento.
L’«asset class» proposta da ClubDealOnline è stimolante, innovativa, e «vicina» al cliente.

INVESTI
SUL
FUTURO

I vantaggi di investire con ClubDealOnline

ClubDealOnline ti offre un’opportunità unica: investire in un ambiente digitale sicuro, avendo a disposizione gli elementi necessari per effettuare una valutazione consapevole delle opportunità di investimento offerte tramite la piattaforma.

  • Proponiamo ScaleUp innovative e PMI italiane, già validate dal mercato
  • Le aziende vengono scelte dopo un’accurata selezione da parte di esperti del settore, tra cui l’acceleratore di imprese iStarter e partner qualificati.
  • Entrerai a far parte di una prestigiosa community di investitori, simili tra loro, dove già molte banche sono nostre partner.
  • Potrai beneficiare degli sgravi fiscali previsti per il tuo investimento.

Il processo di investimento

1

CANDIDATI

Inserisci i tuoi dati e candidati su Clubdealonline.com

2

DIVENTA CLUBDEALER

ClubDealOnline approverà la tua candidatura se in linea con i requisiti

3

REGISTRATI

Completa la registrazione con le informazioni personali e la parte Investor Education richiesta da Consob

4

SCEGLI LA SOCIETÀ

Visita la sezione
Progetti e scopri le
società

7

COMPLIMENTI

Hai finalizzato il tuo investimento!

5

FRIMA DIGITALMENTE

Ottieni la firma
digitale

6

CLICK & TRADE

Scegli l’importo da
investire e firma il contratto

5

FIRMA DIGITALMENTE

Ottieni la firma
digitale

7

COMPLIMENTI

Complimenti, hai finalizzato la tua registrazione, sei a tutti gli effetti un Clubdealer!

Cosa aspetti?
Comincia subito ad investire con ClubDealOnline

Scopri di più sul nostro processo di investimento e cosa comporta investire

Per chi sottoscrive quote del capitale sociale delle società innovative, siano esse Startup o PMI, sono previsti i seguenti benefici fiscali:

  • le persone fisiche possono detrarre dall’imposta lorda, un importo pari al 30 per cento dei conferimenti rilevanti  effettuati,  per  importo  non superiore a euro 1.000.000, in ciascun periodo d’imposta. Per i soci di società in  nome  collettivo  e  in accomandita semplice l’importo per il quale spetta la  detrazione è determinato in proporzione alle rispettive  quote  di  partecipazione agli utili e il limite  di  cui  al  primo  periodo  si  applica  con riferimento al conferimento in denaro effettuato dalla società;
  • le società possono dedurre dal proprio reddito imponibile un importo pari al 30 per cento dei conferimenti rilevanti  effettuati,  per  importo  non superiore a euro 1.800.000, per ciascun periodo  d’imposta.

Gli incentivi valgono sia in caso di investimenti diretti sia in caso di investimenti indiretti per il tramite di fiduciarie, OICR e altre società che investono prevalentemente in questa tipologia di impresa.

Il diritto ai benefici fiscali decade se, entro tre anni dalla data dell’investimento, si verifica:

  1. a) la cessione,  anche  parziale, delle partecipazioni  o  quote  ricevute  in  cambio   degli   investimenti, inclusi gli atti a titolo oneroso che importano costituzione o trasferimento di diritti reali di  godimento e i conferimenti in società;
  2. b) la riduzione di capitale nonche’ la ripartizione di riserve o altri fondi costituiti con sovrapprezzi di emissione delle azioni  o quote delle start-up innovative o delle PMI innovative ammissibili  o delle  altre  societa’  che  investono  prevalentemente  in  start-up innovative o PMI innovative ammissibili e le  cui  azioni  non  siano quotate su un mercato regolamentato o su un sistema multilaterale  di negoziazione;
  3. c) la perdita di uno dei requisiti previsti dall’art. 25, comma 2, del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, da parte della start-up innovativa;
  4. d) la perdita di uno dei requisiti previsti dall’art. 4, comma 1, del decreto-legge 24  gennaio  2015,    3,  da  parte  della  PMI innovativa.

Per usufruire delle agevolazioni fiscali, ai sensi del decreto del Ministero delle Finanze del 07/05/2019 recante “Modalità di attuazione degli incentivi fiscali all’investimento in start-up innovative e in PMI innovative” pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 156 del 05/07/2019,  è necessario che gli investitori ricevano e conservino:

  1. a) una certificazione della start-up innovativa o PMI innovativa che attesti di  non  avere  superato  il  limite  di  cui all’art. 4, comma 7,pari ad un  ammontare  complessivo  dei conferimenti ammissibili non superiore a euro 15.000.000 per ciascuna start-up innovativa o PMI innovativa;
  2. b) copia del piano di investimento della start-up  innovativa  o PMI  innovativa  ammissibile,  contenente  informazioni   dettagliate sull’oggetto della prevista attivita’  della  medesima  impresa,  sui

relativi prodotti, nonche’ sull’andamento, previsto o attuale,  delle vendite e dei profitti.

Il “Decreto Rilancio” – D.L. n. 34/2020 , convertito con legge del 17 luglio 2020, n. 77, introduce incentivi in «de minimis» all’investimento in startup innovative e PMI innovative per le persone fisiche.

Per investimenti fino ad un massimo di 100mila euro nel capitale sociale di una o più startup innovative, in ciascun periodo di imposta, gli investitori possono beneficiare di una detrazione IRPEF al 50% rispetto all’ammontare dell’investimento, mantenendo tale investimento per un minimo di 3 anni.

Per investimenti fino ad un massimo di 300mila euro nel capitale sociale di una o più PMI innovative, in ciascun periodo di imposta gli investitori possono beneficiare di una detrazione IRPEF al 50% rispetto all’ammontare investito, mantenendo tale investimento per un minimo di 3 anni.

Tuttavia, è doveroso precisare che si subordina l’efficacia delle predette misure all’autorizzazione della Commissione europea, ai sensi  dell’articolo 108, paragrafo 3, del TFUE. Pertanto, nell’attesa, ad oggi rimane confermata l’aliquota al 30% cui è stata data attuazione con il decreto interministeriale del 7 maggio 2019.

Entrare a far parte della nostra community esclusiva di investitori significa completare l’iter selettivo descritto ne “Il processo di Investimento”. ClubDealOnline richiede una quota associativa annuale pari a 800€ (iva inclusa). Per ogni progetto in cui si decide di investire, è dovuta una investment fee pari al 6,6% + iva del capitale investito. Nessun importo è dovuto sulle plusvalenze generate in caso di exit (quotazione in borsa, acquisizione…) della società su cui si è investito.

La quota associativa annuale può trasformarsi in anticipo sulle investment fee dovute a ClubDealOnline durante l’anno solare.

Ad esempio, ipotizziamo che si investa 30.000€ in uno o più progetti sulla piattaforma ClubDealOnline durante l’anno solare. L’investment fee totale ammonta al 6.6%+iva di 30.000€, ossia a 2415€.

Tuttavia gli 800€ corrispondenti alla quota associativa pagata vengono assorbiti nell’investment fee accumulati durante l’anno.

L’investment fee da corrispondere nell’anno a ClubDealOnline sarà pari a 1.615€. (2.415€ – 800€).

All’interno del Regolamento Consob, adottato con delibera n. 18592 del 26.6.2013, vi è la previsione (art. 24, II comma) che parte dell’Offerta debba essere sottoscritta da particolari categorie di investitori qualificati e, in particolare, il 5% per Startup e il 3% per PMI innovative.

Lo scopo della norma è di garantire all’investitore retail una valutazione positiva anche da parte di un investitore “professionale”, più qualificato per l’analisi di rischi e opportunità.

Il legislatore identifica dunque diversi tipi di investitori qualificanti:

– Le fondazioni bancarie;
– Gli incubatori di start-up innovative previsti all’articolo 25, comma 5, del decreto legge del 18 ottobre 2012
n. 179;
– Gli investitori professionali su richiesta;
– Gli investitori professionali di diritto;
– Gli Investitori a supporto dell’innovazione.

L’investitore a supporto dell’innovazione

Questa tipologia di investitore, certificata dal gestore, deve avere un valore del portafoglio di strumenti finanziari, inclusi i depositi in contante, superiore a cinquecento mila euro, inoltre deve essere in possesso dei requisiti di onorabilità previsti dall’articolo 8, comma 1 del regolamento Consob e deve avere almeno uno di questi requisiti:aver effettuato, nell’ultimo biennio, almeno tre investimenti nel capitale sociale o a titolo di finanziamento soci in start-up innovative o PMI innovative, ciascuno dei quai per un importo almeno pari a quindici mila euro;
aver ricoperto, per almeno dodici mesi, la carica di amministratore esecutivo in una start-up innovativa o PMI innovativa, diversa dalla società offerente.

In caso di persone giuridiche, la valutazione circa il possesso dei requisiti di cui sopra è condotta con riguardo alla persona autorizzata a effettuare operazioni per loro conto e/o alla persona giuridica medesima.

I clienti professionali su richiesta

Questa tipologia di investitore viene certificata da un intermediario perché in possesso di questi requisiti:

– Ha effettuato operazioni di dimensioni significative sul mercato in questione con una frequenza media di 10 operazioni al trimestre nei quattro trimestri precedenti;

– Ha un portafoglio di strumenti finanziari, inclusi i depositi in contante, superiore a cinquecento mila euro;

– Lavora o ha lavorato nel settore finanziario per almeno un anno in una posizione professionale che presupponga la conoscenza delle operazioni o dei servizi previsti.

I clienti professionali di diritto

Si intendono clienti professionali per tutti i servizi e gli strumenti di investimento:I soggetti che sono tenuti ad essere autorizzati o regolamentati per operare nei mercati finanziari, siano essi italiani o esteri. (banche, imprese di investimento, altri istituti finanziari autorizzati o regolamentati, imprese di assicurazione ecc.).

Le imprese di grandi dimensioni che presentano a livello di singola società, almeno due dei seguenti requisiti dimensionali:

– Totale di bilancio: 20 000 000 EUR
– Fatturato netto: 40 000 000 EUR
– Fondi propri: 2 000 000 EUR

Gli investitori istituzionali la cui attività principale è investire in strumenti finanziari, compresi gli enti dediti alla cartolarizzazione di attivi o altre operazioni finanziarie.